Ki Aikido

Ki Aikido arte marziale che utilizza i principi della coordinazione mente-corpo nell'esecuzione delle tecniche. Principi naturali verificabili nella vita di tutti i giorni che garantiscono il libero fluire del Ki in un corpo privo di tensioni con una mente libera. Le tecniche armoniose dell'aikido guidano la mente del partner evitando situazioni che potrebbero scatenare reazioni violente. L'aikido non ha alcuna efficacia senza lo studio e la comprensione di questi principi. per tale ragione gli studenti devono sostenere gli esami specifici della coordinazione mente-corpo prima di quelli dell'aikido.

Perché  dedicare settimanalmente alcune ore del proprio tempo alla pratica del Ki Aikido? Il significato di questa disciplina risiede nella comprensione di alcuni concetti che, riportati nella vita quotidiana, permettono di essere armoniosi, stabili, creativi ed efficaci in ogni situazione. Apparentemente potrebbe richiamare alla mente gli stessi principi dello yoga ma lo studente impara presto che ogni azione è unica e non ripetibile: nelle arti marziali un errore si traduce nella propria morte.

Il Ki Aikido è lontano dalle pratiche di combattimento quali karate, pugilato ed affini, i cui principi sono applicabili in modo limitato nella vita quotidiana. Molte di queste discipline utilizzano il concetto di “forza di volontà” perché attiva una specifica energia utilizzabile per affrontare imprese difficili: scalare montagne, eseguire lavori, allenamenti impegnativi, ecc . Ma la stessa energia è inefficace e dannosa nella vita di relazione. Si può forse imporre ad un adolescente uno stile di vita che non condivide? Oppure indurre un cliente all’acquisto di un prodotto di cui non necessita o verso il quale non ha interesse? E ancora, determinare e imporre attraverso la forza di volontà cosa dovrebbero fare genitori o figli?

Nella pratica del Ki Aikido la forza di volontà è integrata in un sistema percettivo più ampio; ci si relaziona con quello che viene chiamato Ki universale, ovvero Energia Creativa. Con questa visione allargata tra le infinite opzioni, naturalmente si stabilisce cosa fare in una specifica situazione.

Ampliare la percezione e riconoscere ogni barriera che crei separazione e conflitto è il fulcro della mia proposta nell’ambito del Ki Aikido. Ogni situazione disarmonica “in parte” è creata da noi  e di conseguenza “in parte” possiamo intervenire percettivamente per modificarla.